Archive

Archive for May 18, 2011

Growth-Prix Pictet alla Galleria Carla Sozzani di Milano

E’ dedicata alla crescita e prende il titolo proprio dal tema del Prix Pictet di quest’anno la mostra che sarà inaugurata il 9 giugno presso la Galleria Carla Sozzani: Growt-Prix Pictet. Il Prix Pictet è un premio internazionale di grande prestigio dedicato alla fotografia e allo sviluppo sostenibile che è stato assegnato al fotografo Mitch Epstein per la serie “American Power”, ma in mostra ci saranno anche i lavori dei dodici finalisti, tra cui spiccano i nomi di Christian Als, Edward Burtynsky,  Stéphane Couturier, Mitch Epstein.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

“L’albatro” di Charles Baudelaire

L’albatro

Spesso, per divertirsi, le ciurme
Catturano degli albatri, grandi uccelli marini,
Che seguono, indolenti compagni di viaggio,
La nave scivolante sugli abissi amari.

Appena li hanno deposti sulle plance,
Che questi re dell’azzurro, maldestri e timorosi,
Lasciano pietosamente le grandi ali bianche
Come remi trainare ai loro fianchi.

Questo viaggiatore alato, com’è goffo e leggero!
Esso, poc’anzi così bello, com’è comico e brutto!
Uno gli stuzzica il becco con la pipa,
un altro imita, zoppicando, l’infermo che volava!

Il poeta è simile al principe delle nuvole
Che frequenta la tempesta e se la ride dell’arciere;
Esiliato sulla terra nel mezzo degli schiamazzi,
Le sue ali di gigante gli impediscono di andare.

Souvent, pour s’amuser, les hommes d’équipage
Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers,
Qui suivent, indolents compagnons de voyage,
Le navire glissant sur les gouffres amers.

À peine les ont-il déposées sur le planches,
Que ces rois de l’azur, maladroits et honteux,
Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches
Comme des avirons traîner à côté d’eux.

Ce voyageur ailé, comme il est gauche et veule!
Lui, naguère si beau, qu’il est comique et laid!
L’un agace son bec avec un brûle-gueule,
L’autre mime, en boitant, l’infirme qui volait!

Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête e se rit de l’archer;
Exilé sul le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l’empêchent de marcher.

Categories: Musa Tags:

Carlo Iacomucci Cavaliere dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”

Macerata – Cavaliere dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana” l’alta onorificenza sarà conferita all’artista Carlo Iacomucci con una solenne e significativa cerimonia presso la Prefettura di Macerata alla presenza delle maggiori autorità il 19 maggio prossimo.
Il prestigioso riconoscimento, il più alto degli Ordini della Repubblica che premia benemerenze acquisite verso la nazione nel campo della letteratura, delle arti, dell’economia e altro ancora, è stato conferito al pittore e incisore maceratese, vive e lavora a Macerata dal 1985, con Decreto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 27 dicembre scorso.
Nell’iter per il riconoscimento sono stati coinvolti il Ministero della Pubblica Istruzione ufficio onorificenze e la direzione generale dell’ufficio scolastico regionale per le Marche impegnati nel considerare e valutare l’opera di professore dell’insegnamento di Discipline Pittoriche ed Educazione Visiva e un nutrito curriculum artistico come pittore e in particolar modo come incisore. L’acquaforte e la punta secca sono state infatti per Iacomucci, inserito nel novero degli incisori italiani,  una passione costante e mai interrotta pur nella molteplicità delle tecniche sperimentate e praticate.
Un orizzonte il suo che dal nucleo di formazione e origine urbinate sempre visitato e ripreso nel suo spaziare, ha toccato temi ed esperienze nazionali ed internazionali, europee ed extraeuropee, Londra, Parigi, Portogallo, Argentina, Canada dove ha tenuto la personale “Le Carte dell’Arte – The Papers of Art” a cura di George Raso e Pacific Valeriote, Gallery Giorgio’s – Guelph Ontario.
In occasione della nona edizione della rassegna di grafica “Omaggio a Luigi Bartolini” riceve dal Comune di Cupramontana (AN) il riconoscimento come “incisore marchigiano distintosi per particolari qualità” e una sua mostra personale di incisioni viene allestita per l’occasione al Palazzo Leoni a cura di Armando Ginesi con testo critico di Floriano De Santis.
Per i suoi ex libris viene segnalato tra i venti artisti internazionali dallo storico degli ex libris  Giacarlo Torre e alcune sue opere sono inserite nel libro d’arte “Contemporary International Ex – Libris Artists” in Portogallo.
Sedici sue opere originali illustrano il libro “Dialogo” Sulle orme di Li Madou, impreziosito dalla prefazione di Carlo Di Ciccio e dello storico dell’arte Stefano Papetti, in omaggio al IV centenario della morte di Padre Matteo Ricci. Ancora le sue illustrazioni originali di vedute di Macerata del 1500 sono inserite nel testo “Matteo Ricci” Europa am Hofe der Ming ed esposte per una mostra, al Museum Fur Ostasiatische Kunst Staatliche di Berlino.
Tre progetti lo impegnano attualmente: l’ideazione della bandiera italiana per il 150° destinata a una mostra a cura del Cras Quadreria Museo Civico di Spilimbergo, l’esecuzione di un Ex Libris in onore di Carlo Bo per il centenario della nascita, e la partecipazione su invito, alla Biennale Nazionale d’Incisione organizzata dal Comune di Cavion Veronese (VR).

Per info e contatti:
tel. 320.0361833

Fonte: Artevista

Categories: Eventi Tags:

Vittorio Gassman, “Aspettando i barbari” di Konstantinos Petrou Kavafis

“EYES. L’identità e lo sguardo” di Fabio Orefice, Albatros Il Filo

EYES. L’identità e lo sguardo

Fabio Orefice
Prezzo: €14.50
978-88-567-1989-5
Numero pagine: 209

…Quanto puoi imparare di te stesso, attraverso altri occhi? “Noi sentiamo con gli occhi, palpiamo con gli occhi, giudichiamo con gli occhi, camminiamo e ci orientiamo con gli occhi, e respiriamo anche con gli occhi. Ma se ciò non ci è più possibile, è come entrare nella tela di un ragno, ci sentiamo presi in un vicolo senza uscita, cieco, appunto. E allora, o ci lasciamo morire da dentro, accecati nella volontà come i sepolti vivi, o scendiamo a patti col buio e richiamiamo al dovere gli altri sensi. Per un adulto vaccinato e attaccato alla vita peggio di una lucertola come me, è proprio quest’ultima la soluzione. In breve, sopravvivere”. In un’Europa appiattita dall’imperante globalizzazione, l’Europa di domani, spaventosamente evolutasi mediante l’impiego del miracoloso Litium 14, tra Torino, Berlino e Londra si snoda questo originalissimo noir di Fabio Orefice. Protagonista è un pirata di informazioni cerebrali dedito al crackaggio illegale di ricordi e onde alfa. Sedotto in quello che sembra un gioco malizioso, irretito poi nel complesso meccanismo di una spy story, scoprirà molto di sé, del suo passato, del suo compianto amore… in un vorticoso succedersi di eventi che catturano il lettore come in una perpetua allucinazione.

Fabio Orefice è nato a Napoli nel 1979. Dopo aver frequentato l’Università Popolare dello Spettacolo, si è dedicato al teatro, alla radio e alla scrittura. Nel 2006 ha ricevuto una segnalazione speciale al premio di scrittura drammaturgica “Fara Nume” di Roma, con il copione noir Fino a Prova Contraria – Mind the Gap.Nel 2008 la rivista letteraria “Ellin Selae” ha pubblicato una sua poesia, Banalogye un mese dopo l’intera raccolta Piccolo Cuore Atomico è uscito per la vetrina online de “L’Espresso” e “La Repubblica”. Nel 2009 due suoi racconti sono entrati a far parte della mostra a tema “Fabularia”. Giunto infine tra i nalisti del concorso di scrittura “Sognando Hemingway”, attende di presentare al pubblico il testo teatrale Ali di Farfalla, favola musicale ispirata alla vita di Freddie Mercury.

Fonte: Albatros Il Filo

“Amami in silenzio” di Alessandro Erato

Amami in silenzio

Segui i miei passi se ti giova,

perché io, quando voltandomi ti vedrò,

esploderò in amore

e sarò luce così forte da illuminare

le tue segrete stanze.

Accarezza, soave come sei

e con le tue caste nuvole

piovi su di me,

oh mia eterna tentazione.

Scorri fluente nei miei pensieri,

non dimorare nei mie ricordi,

saresti solo un mattone

in una nera cattedrale.

Amami in silenzio

e per me sarai un urlo tanto forte

che sveglierà i miei occhi

che cercheranno altro riposo.

Porgi fiori sul mio cammino

così che io possa annusarti

…e brucia nel fuoco della mia passione

e io respirerò la tua cenere.

Poesia inedita – Tutti i diritti riservati all’autore

Categories: Aura Tags:

“Momenti di parole” di Paolo Baù, Seneca Edizioni

Autore: Paolo Baù
Titolo: Momenti di parole
Collana: Nuove proposte
Pagine: 192
ISBN: 978-88-6122-256-4
Prezzo: € 14.50

Un Bar, un tavolino di legno scuro e un bicchiere di latte.
Tra due persone sconosciute, parole sul senso della vita, sul perché della morte, sulla gioia dei sentimenti, sull’amaro della solitudine…
La persona che parlava meno era quella che ne sapeva di più.

Fonte: Seneca Edizioni

Categories: Lectio Tags: ,

C3 Technologies, il mondo in 3D da Saab Aerospace

This slideshow requires JavaScript.

Immaginate di sorvolare il Gran Canale di Venezia, di vedere sotto tutti i punti di vista l’albergo scelto o il luogo del vostro appuntamento, con i possibili parcheggi nelle vicinanze, o eseguire una ricerca immobiliare, con immagini 3D fotorealistiche ad alta risoluzione e dettagliate di città, senza precedenti, da poter girare a 360° , zoomare, con precisione, ad esempio sull’iPad. Sarà possibile nel prossimo futuro grazie a C3 Technologies, uno spin-off dalla svedese Saab Aerospace, che ha offerto la sua precisa tecnologia militare di sistemi di guida dei missili sui loro obiettivi. C3 sta costruendo un archivio di modelli 3D mozzafiato delle principali città del mondo, da concedere in licenza a terzi per la mappatura e altre applicazioni Web, notevolmente superiore a Google Earth nel livello di dettaglio. Il metodo di C3 è meno costoso e automatizzato al 98%. Le riprese aeree con reflex digitali in più passaggi, catturano una serie d’immagini sovrapposte da diverse angolazioni, poi gli algoritmi utilizzano le differenze di prospettiva tra le immagini, da costruire in profondità stereoscopica. Il software di elaborazione delle immagini genera infine le strutture poligonali, sulle quali mappare le foto per creare l’aspetto realistico. “A differenza di Google o Bing, tutte le nostre mappe sono esplorabili a 360 °”, spiega Paul Smith di C3, “e ogni edificio, ogni albero, ogni punto di riferimento, dal centro alla periferia, è catturato in 3D con una risoluzione di 10 cm.” Da non mancare il video sotto di Oslo vista dall’alto!

Fonte: Futurix

Terra Futura, la cura dei beni comuni – dialoghi –

TERRA FUTURA mostra-convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità Firenze – Fortezza da Basso, 20-22 maggio 2011 (VIII edizione)

LA CURA DEI BENI COMUNI

 Dialoghi organizzati dal Comitato dei Partner di Terra Futura: ACLI, ARCI, Caritas, CISL, Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Legambiente, Fiera delle Utopie Concrete.

FORTEZZA DA BASSO – SALA “TERRA FUTURA”  FURERIA 

 Venerdì 20 maggio 2011

  • Ore 10: “La cura dei beni comuni”

Paolo CACCIARI giornalista, Rete per la Decrescita

Silke HELFRICH scrittrice, Fondazione Heinrich Böll

Gunter PAULI economista, Rete ZERI – Zero Emission Research and Initiatives

Coordina: Ugo BIGGERI (Banca Popolare Etica)

  • Ore 12: “Diritti e Cittadinanza”

Introduce: Soana TORTORA (ACLI)

Gregorio ARENA, LABSUS – Laboratorio per la sussidiarietà

Ugo ASCOLI docente di Sociologia economica e Sociologia delle politiche di welfare, Università politecnica delle Marche

Coordina: Pietro DEL SOLDÀ, giornalista di Rai Radio3

  • Ore 15: “Economia e Finanza”

Enrico GIOVANNINI economista, presidente ISTAT

Luigino BRUNI docente di Economia politica all’Università di Milano-Bicocca

Coordina: Leonardo BECCHETTI (Comitato Consultivo Terra Futura)

  • Ore 17: “Informazione Bene Comune. Senza informazione niente democrazia”

Giulietto CHIESA giornalista, Megachip-Democrazia nella Comunicazione

Giovanni SARTORI politologo, professor emeritus in the Humanities alla Columbia University

Coordina: Silvano CACCIARI (docente di Estetica della comunicazione e Sociologia generale all’Università di Firenze)

  • Ore 18.30: “Verso una bio-civilizzazione”

Candido GRZYBOWSKI filosofo e sociologo, World Social Forum

Mons. Luis INFANTI DE LA MORA CDP – Consiglio per la difesa della Patagonia

Coordina: Raffaella BOLINI (ARCI)

Sabato 21 maggio 2011

  • Ore 10: “Etica e Società”

Andrea OLIVERO portavoce Forum Terzo Settore

Franco RIVA filosofo e docente di Etica sociale e Filosofia del dialogo all’Università Cattolica di Milano

Coordina: Giacinto PALLADINO (CISL)

  • Ore 15: “L’Europa dei cittadini e partecipazione”

Loïc AZOULAI professore di Diritto europeo all’Istituto Universitario Europeo

Boaventura de SOUZA SANTOS sociologo, Centro per gli Studi sociali dell’Università di Coimbra

Coordina: Mario CAVANI (Fondazione Culturale Responsabilità Etica)

  • Ore 17,30: “Terra e giustizia alimentare”

Susan GEORGE economista, “Attac France”

Andoni Garcia ARRIOLA portavoce coordinamento europeo “Via Campesina”

Vandana SHIVA scienziata, Research foundation for Science, Technology and Ecology, “Navdanya”

Andrea FERRANTE presidente AIAB

Coordina: Maurizio GUBBIOTTI (Legambiente)

Domenica 22 maggio 2011

  • Ore 10: “Acqua”

Luis Babiano AMELIBIA amministratore Asociacion española de Operadores publicos de Abastecimiento y saneamiento

Susan GEORGE economista, “Attac France”

Alex ZANOTELLI missionario comboniano

Coordina: Alfredo CUCCINIELLO (ACLI)

  • Ore 11 (spazio “WWW”): “Beni comuni digitali come piattaforme per l’azione” 

Michel BAUWENS, P2P Foundation

Ezio MANZINI professore di Disegno industriale al Politecnico di Milano, Comitato Consultivo Terra Futura

William QUIGIVER, Mozilla Europe

Michele VIANELLO, Vega Venezia

Yochai BENKLER, Università di Torino

Ugo MATTEI, Istituto Universitario Europeo

Coordina: Marco BARAVALLE (Fondazione Culturale Responsabilità Etica)

  • Ore 12: “Comunicazione e saperi, beni comuni e condivisi”

Cees HAMELINK professor of International communication presso University of Amsterdam

Claudia PADOVANI, Global media monitoring Project – Università di Padova

Danilo DE BIASIO, giornalista, direttore di Radio Popolare

Coordina: Roberto SAVIO (Comitato Consultivo Terra Futura, IPS)

  • Ore 15: “Clima ed energia”

Mario AGOSTINELLI chimico e fisico, portavoce Contratto mondiale per l’energia e il clima

Kevin DANAHER sociologo, Global Exchange

Gianni SILVESTRINI direttore Kyoto Club, Comitato Consultivo Terra Futura

Coordina: Karl-Ludwig SCHIEBEL (Fiera delle Utopie Concrete)

  • Ore 17: “Scenari di pace e sostenibilità. Storie di viaggi, cittadinanza, buone  pratiche”

Conclusione dell’ottava edizione di Terra Futura con la proiezione del film Soltanto il mare (2011) di Dagmawi Yimer, Giulio Cederna e Fabrizio Barraco,con le musiche originali di Nicola Alesini.

Interventi introduttivi di:

don Andrea LA REGINA – Paolo BENI, Partner di Terra Futura

Flavio LOTTI, Tavola della Pace

Thenjiwe MTINISO ambasciatrice del Sudafrica in Italia

Hamado BIN OMAR, El General rapper e blogger tunisino

Husam HAMDOUNA Remedial Educational Center REC, Gaza

Dagmawi YIMER regista

Categories: Eventi Tags:

Terra Futura, mostra convegno delle buone pratiche di sostenibilità

TERRA FUTURA, mostra convegno delle buone pratiche di sostenibilità 

Firenze, Fortezza da Basso, dal 20 al 22 maggio 2011 (ottava edizione).

In rassegna realtà, iniziative e progetti di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

 

Attesi importanti ospiti: Gunter Paoli, Susan George, Alex Zanotelli, Vandana Shiva,

Michel Bauewens Paolo Cacciari, Giulietto Chiesa, Enrico Giovannini, Luigino Bruni,

Giovanni Sartori, Cecilia Strada, Stefania Prestigiacomo, Fausto Bertinotti,

Giuseppe Pignatone, Savino Pezzotta, David Riondino…

Firenze, maggio 2011 Un barbecue ad energia solare, poltrone e sgabelli di ecodesign che riutilizza la cartellonistica in pvc di Palermo, restyling di vecchi abiti o loro trasformazione in accessori o costumi teatrali, abbigliamento sportivo in fibra di bambù, elementi di arredo e capi di abbigliamento realizzati in carcere, magari recuperando materiali di scarto non riciclabili; e ancora, un profumatore d’ambiente dotato di un sistema ecowireless, giardini tascabili bio ed eco da scrivania e da balcone, lo scooter elettrico più veloce in commercio…

Tutto questo e altro ancora all’ottava edizione di Terra Futura, mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale, da venerdì 20 fino a domenica 22 maggio 2011 a Firenze, alla Fortezza da Basso. È promossa da Fondazione culturale Responsabilità etica Onlus per il sistema Banca Etica, Regione Toscana e Adescoop-Agenzia dell’economia sociale, insieme ai partner Acli, Arci, Caritas Italiana, Cisl, Fiera delle Utopie Concrete e Legambiente.

Sono le 13 le sezioni dell’area espositiva, con circa 600 aree e oltre 5000 realtà rappresentate, per una rassegna che traccia un ampio e significativo panorama di buone pratiche e di esperienze, spaziando dalla tutela dell’ambiente alle energie alternative, dalla finanza etica al commercio equo, dall’agricoltura biologica all’edilizia sostenibile; e ancora, progetti e iniziative di turismo responsabile, consumo critico, welfare, impegno per la pace, solidarietà sociale, cittadinanza attiva e partecipazione… Modelli di produzione, di consumo, di gestione delle città, che oltre a contribuire a un futuro sostenibile e a migliorare la qualità della vita, sanno anche produrre nuova economia e generare occupazione.

Molte le presenze e i progetti di mobilità sostenibile: il portale “Lincar” (presentato in anteprima) che ha lo scopo di diffondere la condivisione dell’auto per viaggiare e quello, “Bicitalia”, che mappa oltre 16mila km di rete cicloturistica italiana. A Firenze anche il test drive di veicoli elettrici su circuito di prova e l’auto di “Ritorno al futuro” equipaggiata di un motore elettrico. Protagonisti come sempre i GAS, gruppo di acquisto solidale, a partire da quelli per impianti fotovoltaici o che comprano terreni per combattere l’abbandono delle terre agricole in favore di progetti ad investimento etico; a Terra Futura anche il lancio del primo GAS per auto elettriche (con sportello info per i visitatori).

Tra i progetti speciali di Terra Futura: la Borsa delle Imprese Responsabili, incontri one to one per favorire nuove opportunità di green&social business per tutti gli attori di sistema (pubblico, privato eticamente orientato e non profit).

In Fortezza nei tre giorni pure mostre, spettacoli, animazioni e laboratori interattivi per fare sperimentare di persona ai visitatori le buone pratiche e insegnare la sostenibilità anche ai più piccoli : così si impara l’arte del riciclo e del riuso, la costruzione di “bombe” di semi per aiuole abbandonate, la creazione di pozioni “magiche” assieme ad Harry Potter con sostanze naturali, le tecniche di tree climbing nel rispetto degli alberi, la valutazione della sicurezza della propria casa per bambini, anziani e disabili, la realizzazione di dolci vegani,…

Articolato e intenso il programma culturale (www.terrafutura.it) che comprende convegni, seminari e dibattiti con numerosi esperti e testimoni: 280 gli appuntamenti che vedranno l’intervento di quasi 1.000 relatori.

Filo rosso di tanti convegni il tema della “cura dei beni comuni”, scelto dai promotori per questa edizione: una cura che – considerato il disinteresse evidente o l’incapacità dei governi e delle istituzioni di farvi fronte – è sempre più nelle mani dei cittadini e delle organizzazioni. È l’altra parte dell’umanità, quella che non sa e non vuole arrendersi all’irreparabile “tragedia” dei beni comuni. Si parlerà di acqua, clima ed energia, informazione come condizione necessaria alla democrazia, diritto al cibo e giustizia alimentare, diritti e cittadinanza, economia e finanza, pace e sostenibilità…

Al centro del dibattito anche il tema della sovranità alimentare, con il XVI convegno internazionale di Mani Tese (sabato 21 e domenica 22 maggio), mentre alla tragica realtà delle migrazioni forzate in seguito a disastri ambientali è dedicato il dossier ecoprofugo di Legambiente (presentazione sabato 21 maggio).

E ancora, non mancheranno i temi del microcredito e dell’inclusione finanziaria, nonché le esperienze di impegno per la legalità: a Terra Futura saranno presentati anche il “Progetto San Francesco” (Fiba Cisl) che vedrà nascere a breve il primo centro europeo di alta formazione alla legalità e alla lotta alle mafie e il progetto “Score” (Stop Crimes on Renewables and Environment, capofila Fondazione Culturale Responsabilità Etica) per la lotta al crimine organizzato nei settori foresta/legno e energie rinnovabili.

Anche la rete è un bene comune: a Firenze ci si torna a interrogare sul ruolo del web per la crescita di un modello di sviluppo sostenibile, con il progetto di laboratorio “Words, world,web” proposto da Fondazione culturale Responsabilità etica e Fondazione Sistema Toscana, e con Zoes.it, il primo social network italiano per condividere buone pratiche sostenibili, oggi in versione rinnovata.

Impossibile non ricordare il Mediterraneo in fiamme: Terra Futura dedicherà ampio spazio alla primavera nordafricana, con uno sguardo ai nuovi scenari e alle prospettive di sviluppo politico-economico nel continente nero: testimonianze, film, rassegne letterarie e “incontri con l’autore”, sino al gran finale con il concerto del rapper della rivolta tunisina, “El Général”, che chiuderà la mostra convegno (domenica 22 maggio alle 18.00).

Tra i personaggi attesi nei tre giorni alla Fortezza da Basso: Gunter Paoli economista, fondatore Zeri (zero Emission Research and Initiatives), Susan George economista, Alex Zanotelli missionario comboniano ideatore della Rete Lilliput, Mario Agostinelli, portavoce del “Contratto mondiale per l’energia e il clima”, Kevin Danaher, sociologo, Vandana Shiva, fisica indiana fondatrice dell’istituto “Research Foundation for Science, Technology and Ecology” a Dehradun in India, Wolfgang Sachs dello Wuppertal Institute in Germania, Silke Helfrinch, giornalista e scrittrice; Gregorio Arena, presidente Labsus (Laboratorio per la sussidiarietà), Loïc Azoulai, docente di diritto europeo European University Institute, Michel Bauewens della “Foundation of P2P Alternatives”, Amita Baviskar fra le principali ricercatrici in tema di urbanizzazione, democrazia e uguaglianza in India, Gianfranco Bologna, responsabile dell’area sostenibilità WWF, Paolo Cacciari, giornalista, Giulietto Chiesa giornalista di “Megachip-Democrazia nella Comunicazione, Enrico Giovannini, presidente dell’Istat, Luigino Bruni, economista, Giovanni Sartori, fra i massimi teorici della teoria della democrazia e dei sistemi di partito, Cecilia Strada presidente Emergency, Stefania Prestigiacomo ministro dell’Ambiente, Fausto Bertinotti storico segretario del partito Rifondazione comunista e presidente della Camera dei Deputati dal 2006 al 2008, Giuseppe Pignatone, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace, Savino Pezzotta, storico sindacalista Cisl oggi deputato Udc.

E tra gli artisti: Bandabardò, Diego Parassole, David Riondino, Sergio Staino

Terra Futura, a ingresso libero, è un evento sostenibile grazie alle sue scelte e azioni responsabili.

Categories: Eventi Tags: