Home > Vernissages e Mostre > Architecture as a piece of nature

Architecture as a piece of nature

SPAZIOFMGPERL’ARCHITETTURA

MILANO, VIA BERGOGNONE 27 – WWW.SPAZIOFMG.COM – INFO: 02 89410320

 

PRESENTA LA MOSTRA

Architecture as a piece of nature

Sou Fujimoto, Akihisa Hirata e Junya Ishigami

Film di Maris Mezulis

A CURA DI

LUCA MOLINARI e SIMONA GALATEO

con NAOMI SHIBATA e AI KITAZAWA

Orari

11-17 aprile – h. 10.00-20.00

19-29 aprile – Martedì – Venerdì/h. 14.00-19.00

INGRESSO LIBERO

Inaugurazione con gli studi

Lunedì 11 aprile – h. 18.30


In occasione del Fuorisalone, Sou Fujimoto, Akihisa HirataJunya Ishigami, Leone d’’Oro  all’ultima Biennale Architettura di Venezia, sono ospiti della galleria milanese di Iris CeramicaFMG Fabbrica Marmi e Graniti. Dall’11 al 29 aprile SPAZIO FMG PER L’ARCHITETTURA (v. Bergognone 27 – ang. Via Savona) va in scena con Architecture as a piece of nature, mostra a cura di Luca Molinari e Simona Galateo con Naomi Shibata e Ai Kitazawa che presenta l’eccellenza della nuova generazione giapponese ritratta dal video-artista Maris Mezulis. “Un appuntamento che unisce tre eccellenze internazionali su un tema di forte attualità in una terra colpita da calamità naturali e disastri ecologici. Architecture as a piece of Nature vuole offrire uno spunto di riflessione per un’architettura di ricerca a favore dell’ambiente” Commentano i curatori Luca Molinari e Simona Galateo.

“Negli ultimi vent’anni l’architettura giapponese ha visto fiorire la “young generation” di cui Kazuyo Sejima, Jun Aoki e Shigeru Ban sono i principali esponenti. Recentemente una nuova generazione di architetti nati dopo il 1970 si è affermata a livello internazionale con uno sguardo diverso caratterizzato da un approccio flessibile e da un’ardita propensione verso la natura, la tecnologia e gli spazi dell’abitare. Architecture as a piece of nature è dedicato a questo nuovo scenario a partire dal lavoro Sou Fujimoto, Akihisa Hirata e Junya Ishigami, principali esponenti della young generation di oggi”. Commenta la curatrice Naomi Shibata.

Da sempre attento ai fenomeni urbani per ritrarre i cicli vitali degli spazi dell’abitare, il regista Maris Mezulis ha saputo cogliere in una video-installazione lo spirito dell’architettura giapponese di nuova generazione. Immagini e interviste di tre giovani eccellenze contemporanee, raccontano teorie e ispirazioni per una nuova architettura con un focus su tre progetti: la Final Wooden House di Sou Fujimoto, l’Apl House di Akihisa Hirata e il KAIT – Kanagawa Insitute of Technology di Junya Ishigami.

Secondo Sou Fujimoto il futuro dell’architettura è nell’archetipo della caverna ovvero spazio funzionale primitivo non strutturato che prescinde a chi lo abita e stimola azioni di adattamento successive. Fino ad oggi ha dominato l’architettura-nido, ovvero il progetto abitativo artificiale nato per isolare dall’ambiente naturale esterno. Oggi l’architettura-caverna è in grado di stimolare nuovi usi e costumi dell’abitare nel pieno rispetto dell’ambiente. Esempio concreto di questa filosofia è la Final Wooden House a Kumamoto, modulo in legno di cedro totalmente integrato con la natura circostante e strutturato internamente al fine di ricreare nuovi stimoli e azioni abitative.

Come l’uomo è parte di un sistema più grande anche l’architettura deve essere in sintonia con l’ambiente; da questi presupposti Akihisa Hirata ha progettato Alp House a Tokyo, un complesso di edifici multifamiliari in sintonia con le forme e l’andamento ondulato del territorio circostante. Secondo Hirata, promuovendo il riconoscimento dell’architettura come parte di un ordine più grande è possibile raggiungere un nuovo tipo di libertà.

Junya Ishigami racconta il progetto per il KAIT – Kanagawa Insitute of Technology: minimale, leggero e quasi trasparente, l’edificio è in piena sintonia con la filosofia del progettista secondo il quale l’architettura non deve essere intesa come struttura artificiale che ci separa dall’ambiente naturale. Oggi l’architettura e le opere dell’uomo hanno preso il sopravvento sulla natura. Dato che il confine tra spazio artificiale e naturale sta diventando sempre più ambiguo, un nuovo ambiente comincia a prendere forma. È necessario quindi concepire l’architettura per questo nuovo ambiente.

Architecture as a piece of Nature racconta un approccio giovane e innovativo, una prospettiva diversa che condivide però la necessità comune di rispettare e tutelare il territorio in cui viviamo. Per un futuro sostenibile è necessario che progettisti, aziende e committenti si impegnino a costruire secondo natura. Iris CeramicaFMG Fabbrica Marmi Graniti, da sempre sono attenti all’ambiente, come dimostra l’impegno all’innovazione ecologica con il materiale eco-attivo e antibatterico ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™ e la diffusione di architetture responsabili attraverso mostre e incontri allo SPAZIOFMGPERL’ARCHITETTURA.

This slideshow requires JavaScript.

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: