Home > Carta > “Le parole e la pietra” di Fabio Clerici

“Le parole e la pietra” di Fabio Clerici

LE PAROLE E LA PIETRA  di Fabio Clerici – recensione di Marzia Carocci

Silloge poetica
Proprietà letteraria riservata                Rupe Mutevole   2009         euro 10,00
Le “parole e la pietra”, nessun altro titolo sarebbe stato più adatto a tale silloge.
Le parole, lievi, delicate, carezzevoli, speranzosi, musicali.
La pietra, dura come dura è la vita e i suoi ostacoli e drammi, dura come le vicissitudini che si aprono in cammini difficili e irti, dura come i ricordi che fanno male e che s’inchiodano in fondo al petto al solo pensiero.
L’autore aprirà così uno spaccato di esistenza che tutto comprende nell’arco vitale dell’uomo.
Si parlerà di ricordi da condividere, si parlerà di un tempo che fu e si riporteranno in superficie reconditi momenti di un uomo che apre la sua anima e il suo forziere di vita.

Una lettura dove non si dimentica il debole, il disagiato, e si parlerà di vecchiaia:

Guardali,
ricurvi, dall’incerto passo
attraverso i luminosi corridoi
trascinano i lunghi anni
nel ricordo di gioventù sfiorite.

Parole sull’essenza e l’importanza dell’amicizia come ancora di salvezza e di certezza:

l’amicizia  con la sua ricchezza
sembra pur semplice
il fraseggiar ovvio
“siamo felici, perché siamo amici”.

E parafrasando la pietra dura da scalfire, da spezzare, da levigare si parlerà di guerra:

Dentro la divisa,la debolezza di ogni uomo,
dentro la divisa le storie di notti insonni,
dentro la divisa, ormai disagi da lenire.

Fabio Clerici è un poeta attento che attraverso il suo pensiero, ci propone i quesiti di sempre:cosa è la vita?.Di cosa è capace l’essere umano?
Immergendosi nei suoi versi e ascoltando il nostro cuore, “udremo” le risposte, quelle stesse risposte che stanno dentro ad ognuno di noi.
Parole e pietre che musicano fra le sue righe, le parole che si alternano  a dolci ricordi e che risuonano a volte dure come macigni a ricordarci ciò che spesso dimentichiamo: l’esistenza dell’altro.
Written by Marzia Carocci

Fonte: Oubliettemagazine

 

Categories: Carta Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: