“Entwined The Art of Rope Bondage : A Salon with Mistress Scarlett”, unique event at Coco de Mer

October 20, 2016 Leave a comment


Entwined The Art of Rope Bondage : A Salon with Mistress Scarlett Letter


Editor’s Notes

24 November 2016

Seek out the unfamiliar and learn how to bind your lover to your will with professional Dominatrix and rope-bondage connoisseur, Mistress Scarlett Letter.

Offering a leisurely two-hour exploration of traditional Japanese shibari techniques, Mistress Scarlett will teach you three essential forms of rope bondage restraint, as well as additional adaptations and variations. Whether you seek to confine, or sensually hold, mastering the ShinjuEbi, and Gyaki Ebi will allow you to broaden your sensual repertoire.

Alongside this, salon attendees will benefit from her vast knowledge as the female ‘rigger in residence’ at the UK’s largest fetish night, Subversion, and receive the benefit of her wealth of experience in rope selection and care, safe practises, and setting the appropriate mood.

What To Expect

Doors open at 6:30pm for students of the Salon. Join us for drinks before settling in for an evening of lighthearted enlightenment starting at 7pm.

After the Salon, browse the boutique until 9:30pm with a special bonus: for that evening, students of the Salon may take advantage of an exclusive 20% discount on all purchases.

After all, we want to make sure you apply what you learned – and a little homework never hurt anyone, did it?

Categories: Eventi Tags: ,

“For His Pleasure: A Salon with Master Dominic”, evening of education and entertainment at Coco de Mer

October 15, 2016 Leave a comment


For His Pleasure: A Salon with Master Dominic


Editor’s Notes

16 November 2016

9 December 2016

Delve into a world of seduction with a man who is well versed in the art. Professional Dominant and sex expert Master Dominic will teach you how to arouse and excite every erogenous zone of the male body.

The Salon will take you on an erotic journey that begins at the eyes and travels all the way down to the toes. Over the course of two enlightening hours, you’ll gain inspiration and practical tips focused on giving him pleasure and stimulating areas in new and unexpected ways.

Master Dominic runs a successful Dominant business in East London and his Salons are always highly anticipated. His experience and knowledge, blended with a razor sharp wit, ensures a titillating evening of education and entertainment here at Coco de Mer.

What To Expect

Doors open at 6:30pm for students of the Salon. Join us for drinks before settling in for an evening of lighthearted enlightenment starting at 7pm.

After the Salon, browse the boutique until 9:30pm with a special bonus: for that evening, students of the Salon may take advantage of an exclusive 20% discount on all purchases.

After all, we want to make sure you apply what you learned – and a little homework never hurt anyone, did it?

Categories: Eventi Tags: ,

“Tom Dixon Yesterday, Today, Tomorrow”, first exhibition at 10 Corso Como in Seoul

October 7, 2016 Leave a comment


Under embargo


This October, Tom Dixon presents its first exhibition in Korea at 10 Corso Como, entitled Yesterday, Today, Tomorrow. creative district, 10 Corso Como is a world- renowned concept store presenting a unique mix of design, art, music, cuisine and culture from around the world.

-chair in 1991 at 10 Corso Como in Milan, where former fashion editor and publisher Carla Sozzani had previously introduced him to Giulio Cappellini, art director of the eponymous Italian

design firm.

For the first time, Tom Dixon is showcasing its full range of products as well as never-seen- before pieces. The exhibition comprises a Gallery divided in three highly curated installations (Yesterday, Today, Tomorrow) and a pop-up shop where visitors can purchase the latest home collection, fresh from Paris. Delving into past, present and future adventures, the Gallery tells the story of the self-made British designer who has become a household name.

– rather than their surfaces and brings to life rly works, including Flame Cut Chair, Pylon Chair, Copper Chair CU29, Rocking Chair Rubber and Jack Glow in the Dark. A short-film on unpublished s formative years.


Today immerses the visitor in s current and unfading obsession with materials. The copper and the stone, the wood and the glass, the wax, the iron and brass all come to life with new shapes, new smells and new functions. Products showing in Today include: Mass Dining Table (brass), Fan chair (wood), Flask Pendant Oil (glass), Pylon Coat Stand (copper), Stone candles (green marble) and Alloy diffuser (raw aluminium).

Tomorrow is an insight into what the future may hold. Products showing include exclusive launches (Boom desk light) and rare prototypes.

Commenting on his upcoming exhibition in Korea, Tom says: Korea is a relatively new market for us. We wanted to give visitors an understanding of where we come from. Korea is a very design-aware nation, fantastically interested in bold and industrial production, and we thought it might be nice to show some history as well as

All pieces showing at 10 Corso Como including new accessories, unique or limited-edition pieces, rare and early works as well as prototypes will be available to buy from 1st October. A series of Tom Dixon cocktails, especially created by the designer to celebrate the exhibition, will be served at 10 Corso Como Café.

For more information, please visit:

For media and press enquiries in Asia, please contact Anne Wu anne@pr-ime-asia.com For the rest of the world, please contact Juliette: press@tomdixon.net
Follow us on Instagram @tomdixonstudio

Notes to Editors:

Main Exhibition (3rd floor)
Dates: 12th October Opening Reception 12th October 20th November


10 Corso Como Seoul 3F Exhibition Space

Pop-Up 10 Corso Como Seoul Cheongdam (ground floor) Dates: 13th October 27th October
Address: 10 Corso Como Seoul Cheongdam 1F Novelty Zone

Pop-Up 10 Corso Como Seoul Avenuel (other location) Dates: 13th October 27th October

10 Corso Como Seoul Avenuel Novelty Zone

Tom Dixon has been available at 10 Corso Como since 2012, primarily showcasing its accessories collection. From October 2016, Tom Dixon will also be introducing a permanent collection of new lighting, furniture and accessories.

About Tom Dixon:

Established in 2002, Tom Dixon is a British product design brand. With a commitment to innovation and a produces extraordinary spaces and extraordinary objects for everyday use. http://www.tomdixon.net/

About Corso Como

Founded in Milano in 1990 by Carla Sozzani, 10 Corso Como is the pioneer in creating the prototype of the concept store. In 2008 10 Corso Como and Samsung C&T Fashion Business joined together to bring the 10 Corso Como concept to Seoul. From the moment that a visitor steps inside the 1,400sq. meter space, located in Cheongdam-dong, the creative ideas that drive 10 Corso Como have been translated into the spirit of Seoul. Housed on three floors of a modern building in a bustling downtown, Slow Shopping has become a massive hit for both the n 2012 10 Corso Como and Samsung C&T have joined again, this time with Lotte, in bringing the 10 Corso Como philosophy into Avenuel. Carla Sozzani of 10 Corso Como directs the development of 10 Corso Como AvenueL and artist Kris Ruhs has established the unique physical presence that lies at the heart of 10 Corso Como core philosophy- Slow Shopping.

“Mimmo Rotella. Erotique”, personale dell’artista alla Galleria Carla Sozzani di Milano

October 7, 2016 Leave a comment


Mimmo Rotella. Erotique

La Galleria Carla Sozzani presenta la mostra “Mimmo Rotella. Erotique” dall’8 ottobre al 13 novembre 2016. L’esposizione è parte della rassegna “Mimmo Rotella 2016” che coinvolge Cardi Gallery, Fondazione Marconi, Galleria Carla Sozzani, Robilant + Voena di Milano.

Le opere selezionate per “Mimmo Rotella. Erotique” hanno come tema l’erotismo e presentano una panoramica di alcune delle tecniche meno conosciute nella produzione dell’artista, come il riporto fotografico ottenuto riportando un’immagine su una tela emulsionata e il frottage realizzato cospargendo su pagine di riviste un solvente al nitro che ne “trasferisce” le immagini su un foglio.

L’esecuzione di questi lavori è strettamente legata al periodo compreso tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, quando l’artista vive prevalentemente a Parigi e contemporaneamente viaggia prima a New York – dove risiede presso il Chelsea Hotel – e poi in Costa Azzurra: qui, si lascia coinvolgere dall’atmosfera mondana e internazionale che si respira a Gassin, Ramatuelle e Saint-Tropez. Dopo il Sessantotto la cosiddetta rivoluzione sessuale aveva scardinato la morale borghese: si teorizzava la ‘liberazione dell’eros’, intesa come emancipazione della propria sessualità e veicolo per lo sprigionamento di energie creative, prima condizionate dai codici sociali. Rotella è sensibile all’analisi e all’esplorazione delle dinamiche erotiche: “Accanto al mio lavoro, tengo molto da conto la mia vita erotica che non tralascio mai, perché serve anche come ispirazione e, forse, per il lavoro nello stesso tempo. Su questo fatto è imperniata la mia vita, su queste avventure, erotiche, che poi a un certo momento, sono di base per il mio lavoro futuro e presente”.

Questi elementi si ritrovano nelle opere esposte alla Galleria Carla Sozzani, come La dolce conquista (1972), L’amplesso (1975), e Other scenes, realizzato nel 1968 a partire da una fotografia scattata durante un lungo soggiorno al Chelsea Hotel o nel frottage intitolato Erotique (1971) in cui il bianco e nero sottolinea la carica allusiva delle immagini.

“Mimmo Rotella 2016” è una rassegna legata al decennale della scomparsa dell’artista cui partecipano altre gallerie e istituzioni milanesi, a testimonianza del rapporto intercorso tra Rotella e la città in cui ha lavorato e vissuto negli ultimi anni della sua esistenza. La rassegna è realizzata in collaborazione con il Mimmo Rotella Institute, nato per volontà di Inna e Aghnessa Rotella nel 2012 con lo scopo di realizzare il catalogo ragionato e di promuovere a livello nazionale e internazionale la conoscenza e la tutela della figura e dell’arte di Mimmo Rotella. Il Mimmo Rotella Institute è diretto da Antonella Soldaini con il supporto scientifico di Veronica Locatelli.

Terminati gli studi di Belle Arti a Napoli, Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 – Milano, 2006) nel 1945 va a Roma dove lavora come grafico al Ministero di Poste e Telecomunicazioni. Nel 1951 espone alcune pitture astratte in occasione della sua prima personale alla Galleria Chiurazzi e ottiene una borsa di studio della Fullbright Foundation che gli consente di frequentare la Kansas City University negli Stati Uniti. Nel 1953 realizza i primi décollages. Nel 1960 entra a far parte del gruppo del Nouveau Réalisme. Nel 1964 partecipa con una sala personale alla XXXII Biennale di Venezia e si trasferisce a Parigi. Negli anni Ottanta si trasferisce a Milano, mentre nel 2000 istituisce la Fondazione Mimmo Rotella, attualmente presieduta da Rocco Guglielmo e diretta da Piero Mascitti. Nel 2005 apre la sua casa-museo a Catanzaro, chiamata Casa della Memoria. Ancora in piena attività, scompare a Milano l’8 gennaio 2006.

Mimmo Rotella. Erotique – Galleria Carla Sozzani
in collaborazione con Mimmo Rotella Institute
8 ottobre – 13 novembre 2016
tutti i giorni, 10.30 -19.30 /mercoledì e giovedì, 10.30 – 21.00

Tom Dixon

October 7, 2016 Leave a comment


Tom Dixon (1959, Tunisia) – Dall’età di quattro anni vive in Gran Bretagna dove si è diplomato alla Chelsea School of Art di Londra nel 1978. Nel 1987, crea la “Kitchen Chair”, realizzata con padelle e mestoli. Nello stesso anno, fonda la propria fabbrica, la Dixon PID, in seguito denominata Space. Dagli anni Novanta, i primi manufatti vengono modificati per la produzione di massa. La “Kitchen Chair”, la “S Chair”, le sedie a sdraio “Bird” e  “Bird 2” sono state prodotte da Cappellini dal 1992. Nel 1989, la “Pylon Chair” formata da sottili bastoncini d’acciaio saldati insieme, fu prodotta da Cappellini completamente a mano. Nel 1997, disegna le lampade, e produce “Star”, “Octo” e “Jack”. Nel 2002, fonda la “Tom Dixon. The Company”. Nello stesso anno, disegna la linea “Fresh Fat”, sedie e tavoli in corda di plastica, annodata ed intrecciata da sembrare vetro. Nel 2003, sperimenta le stoviglie da tavola “Eco Ware” con materiale biodegradabile con 85% di fibra di bambù. Nel 2005, lancia la serie di lampade  “Copper Shade” e “Mirror Ball”, realizzate in plastica. Collabora come disegnatore di prodotti e decoratore d’interni con Asplund, Cappellini, De Vecchi, Driade, Inflate, Moroso, Salviati, Swarovski, Terence Conran, e con gli stilisti Jean Paul Gaultier, Romeo Gigli, Ralph Lauren, e Vivienne Westwood.

Categories: Eventi, Ritratti

“Metodo Cappellini. Il sogno declinato” di Francesca Serrazanetti, Mondadori Electa

October 4, 2016 Leave a comment


Cappellini non è solo il progetto di un’azienda di mobili contemporanei: è un’officina delle idee, un progetto globale che ha saputo raccogliere e delineare nuove tendenze culturali, scoprire nuovi talenti come Jasper Morrison o i fratelli Bouroullec, creare oggetti dall’identità forte e raffinata, cercando di dare risposta ai desideri più privati delle persone e di lavorare allo stesso tempo sull’innovazione. Il libro è uno “zibaldone” fatto di ricordi personali, incontri straordinari, oggetti di design e creazione di idee, tra fantasia e realtà. Senza bisogno di seguire una narrazione di tipo convenzionale, il lettore è libero di esplorare il dietro le quinte del mondo del design cercando la propria chiave per scoprire i segreti del “metodo” Cappellini. Al racconto fatto di parole si affianca quello delle immagini: oggetti e ritratti che hanno segnato e guidato la realizzazione di tanti piccoli sogni, che sono entrati nella storia del design, nelle collezioni dei musei ma soprattutto nelle case delle persone.

Metodo Cappellini. Il sogno declinato ha come protagonista Giulio Cappellini in un caleidoscopio di ricordi, incontri, oggetti, luoghi e, naturalmente, colori.

È la storia dell’architetto e imprenditore italiano che dagli anni Ottanta si è posto come punto di riferimento per il design contemporaneo, sapendo far dialogare il processo industriale e il recupero della tradizione artigianale, la ricerca tecnologicasui materiali e le materie prime della natura.

Nasce così Metodo Cappellini. Il sogno declinato, un volume che, attraverso immagini, racconti e appunti raccolti in trent’anni di attività, rivela un inedito criterio di analisi della storia del disegno industriale e dell’approccio al progetto.

A metà strada tra un diario personale e un’enciclopedia tradizionale, il libro si presenta come un lemmario in cui parole, nomi e concetti sono ordinati secondo uno schema logico ma, nello stesso tempo, libero.

Giulio Cappellini ha definito così una matrice di lettura che permettesse di raccontare la complessità della cultura del design, offrendo un sistema che consenta al lettore di creare una propria sequenza di consultazione, ogni volta diversa.

Il volume di 192 pagine di Francesca Serrazanetti, edito da Mondadori Electa, presenta inoltre un piano di lettura trasversale che propone una nuova categorizzazione degli argomenti trattati secondo quattro grandi temi: Identità, Incontri, Luoghi e Prodotti, su cui si basa la visione progettuale di Giulio Cappellini e dell’azienda Cappellini.

“Le evocanti cromie di Vittorio Carradore”, personale alla Galleria Ponte Rosso di Milano

October 1, 2016 Leave a comment


Dal 22 settembre al 16 ottobre 2016 | Galleria Ponte Rosso via Brera 2, Milano

Da Giovedì 22 settembre 2016 ore 18, alla Galleria Ponte Rosso (via Brera 2, Milano) è in corso la mostra personale “Le evocanti cromie di VITTORIO CARRADORE”. Sono esposti oltre trenta dipinti dell’artista veronese; i lavori più recenti e una selezione di dipinti dagli anni ’90 ad oggi.
Il suo soggetto prevalente è il paesaggio naturale, tuttavia l’artista affronta anche i temi della natura morta, della composizione nell’interno e scene di vita quotidiana che interpreta in modo molto personale. 

Vittorio Carradore è nato a San Bonifacio, in provincia di Verona nel 1963. Si è avvicinato precocemente alla pittura, prima come autodidatta, poi frequentando i Corsi liberi presso l’Accademia Cignaroli della sua città dove, sotto la guida del Maestro Franco Patuzzi, ha continuato il suo percorso di ricerca dedicandosi sia allo studio del paesaggio che alla figura.
Risalgono ai primi anni ’80 le esposizioni in ambito locale, seguite poi da concorsi nazionali e mostre personali e collettive in diverse città italiane, capitali europee oltre a New York e Sidney fino a tornare nella sua città, nello scorso anno, con l’importante mostra personale al Palazzo della Gran Guardia.
L’artista espone alla Galleria Ponte Rosso dal 1995, anno della sua prima partecipazione al Premio di pittura Carlo Dalla Zorza, indetto dalla galleria. Nel 2012 Carradore ha vinto l’ottava edizione del Premio con il dipinto “Bottega a Collodi”.

Scive di lui Carlo Adelio Galimberti (giugno 2016):
“È nella scia antica della pittura veneta che si sviluppa l’opera di Vittorio Carradore, quel medesimo solco da cui è germinato il più iridescente vestito della pittura italiana. Se in altre regioni il primato l’aveva il disegno perché sapeva scandire le forme dell’esistente, è in questa terra che si è trovato e visto il più affascinante vestito pittorico d’ogni forma. Ed è su questa strada che si innesta il decisivo contributo poetico dell’opera di Carradore, facendo dello strumento cromatico il persuasivo veicolo dei sentimenti che i suoi dipinti suscitano. Un colore che nelle sue tele è protagonista perché, da sempre, è il più avvincente strumento di seduzione artistica.” (.)

La mostra resterà aperta fino a domenica 16 ottobre 2016 con il seguente orario:
da martedì a sabato 10-12.30 e 15.30-19.
Domenica 16 ottobre aperto dalle 15,30 alle 19